Less is more

Nell’arte, nella scultura e nella ricerca artistica, il concetto del “lavoro a togliere” riflette la filosofia del “less is more”. È una pratica che non appartiene a tutti, richiede disciplina e un profondo impegno verso la semplicità. Questo approccio, paragonabile alla via secca della ricerca alchemica e intimamente legato alla filosofia giapponese del wabi-sabi e allo zen, è un’invocazione alla riduzione, alla ricerca della purezza e dell’essenzialità.

Nel contesto della fotografia, il principio del “less is more” assume una rilevanza speciale. Inizia con lo studio approfondito della propria visione artistica, dove “togliere” diventa una pratica di selezione accurata, eliminando gli elementi che non risuonano con l’essenza della nostra percezione visiva. Si tratta di sintonizzare la sensibilità con elementi visivi centrali, forti, un nucleo attorno al quale si costruisce l’immagine.

Questa pratica si riflette anche nelle scelte dell’attrezzatura fotografica. Spesso, l’equipaggiamento più semplice e essenziale permette al fotografo di concentrarsi sulla sostanza dell’immagine anziché sulle sue caratteristiche tecniche. La riduzione dell’attrezzatura può liberare il fotografo dalle distrazioni e consentirgli di concentrarsi sul momento e sull’emozione che desidera catturare.

Anche nella composizione, il principio del “less is more” trova applicazione. Piuttosto che sovraccaricare l’immagine con dettagli superflui, si cerca la purezza e l’essenza, concentrandosi su pochi elementi chiave che trasmettono il messaggio o l’emozione desiderata. Una composizione essenziale può avere un impatto maggiore e comunicare in modo più efficace con lo spettatore.

In sintesi, sia nell’arte che nella fotografia, il “less is more” diventa un’espressione di rigore e semplicità, una ricerca di purezza visiva e di significato emotivo. È un invito a concentrarsi sul nucleo della propria visione artistica, a eliminare il superfluo e a comunicare con chiarezza e potenza attraverso le immagini catturate.

manuelametra
manuelametra

Ciao, sono Manuela! Sono una ceramista e artista italiana con una passione per le potenzialità espressive dell’argilla. Con l’amore per l’estetica Wabi Sabi e la bellezza dell’imperfezione, creo ceramiche su misura, dipinti e fotografia d’arte. Il mio studio, immerso nell’affascinante città di Milano, è una scatola magica dove la creatività corre selvaggia e la bellezza è abbondante. Se stai cercando di portare un tocco di magia nella vita di tutti i giorni o semplicemente stai cercando di esplorare il tuo lato creativo attraverso l’arte terapia io sono qui per ispirarti e incoraggiare il tuo viaggio. Porto l’arte nel mondo e celebro la bellezza in ogni momento. Questo blog è la mia Insalata Artistica, piena di creatività, bellezza, gioia di vivere, passione e strumenti per le menti creative.

Find me on: Web

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.